1° Gf Città Del Mito

La mountain bike fabattere il cuore rupestre di Castellaneta
Delli Noci conquista la prima tappa della «Gran Fondo» regionale

CASTELLANETA. Il 43 enne leccese Andrea Delli Noci è il vincitore della «Prima Gran Fondo Città del Mito» di mountain bike.
In 2 Ore, 24 minuti e 4 secondi l'atleta della Cyclon Store.it Conversano completa il perCorso di 52 chilometri che fa battere il Cuore rupestre di Castellaneta. La riserva naturale di Montecamplo, a 417 metri sopra il livello del mare, è solcata da trecento ciclisti giunti da tutta la Puglia e dai confini con la Lucania.
Gli atleti faticano, si rigano e sprigionano adrenalina.

La partenza è alle 9.45 dal colle di Santa Trinità, che nell'Età del Ferro fu colonizzata dagli Japigi che utilizzavano le sue colline come difesa naturale. La stessa area boschiva offrì riparo ai briganti, nei confronti dei quali scoppiarono battaglie tra le fanterie e la cavalleria piemontese all'epoca del neo costituito Regno D'Italia.
Sul ciglio della gola carsica di Sant'Andrea sgommano le due ruote della manifestazione promossa dalla Uisp per il circuito «Bicinpuglia» Granfondo.

È il battesimo stagionale di un campionato lungo 7 tappe, che proseguirà il 25 aprile a Palagianello con la «Gran Fondo Terra delle Gravine» e che si concluderà l'8 ottobre con il «Trofeo Le 100 Masserie» a Crispiano. La kermesse è promossa dalla Lega Ciclistica dell'Unione Italiana Sport perTutti, presieduta da Giovanni Punzi, il quale parla di «uno spettacolo fascinoso, dietro il quale c'è l'impegno della società organizzatrice Mtb Group Castellaneta».

Da mezzo anno il giovane club del presidente Davide Mutasci, coi collaboratori Martino Liuzzi ed Agostino Pepe, lavora su un tracciato mozzafiato, che attraversa la zona boschiva, tra percorsi stretti e tecnici. Sterrati pendenti, salite e discese, com un dislivello che tocca i mille metri. Al traguardo la fatica è visibile, mista alla gioia per una domenica a polmoni.

Sono resistenti quelli del monopolitano della Nrg Bike Pasquale Semeraro che taglia secondo assoluto il traguardo del «Mito» (in onore dell'attore muto castellanetano Rodolfo Valentino) incollato alla ruota di Delli Noci, separato di appena un secondo.
Per Semeraro è un successo che certifica l'ottima partenza stagionale visto l'attuale dominio nel «Gran Premio Xc», manifestazione parallela della stagione Uisp. In terza fila, sotto il gonfiabile dell'agriturismo «Il Casone) (quartier generale della corsa, dopo la quale ospita il bivacco tra organizzatori, atleti, tecnici, dirigenti e pubblico nel segno del fair play), arriva Ferdinando Bossis, altro talento della Cyclon Store.it.

Primo del tarantino è Alessandro Fittipaldi, giunto sesto con la divisa della Ciclisport 2000 Grottaglie. Alle sue spalle, settimo, Angelo Mattia Giuliani della Team Bike Martina Franca.

Prima delle donne, con un tempo di 2 ore, 22 minuti ed 11 secondi, in un giro di 26 chilometri, è Angela Maraggiulo della Terranostra Crispiano.
Il suo dirigente, presidente della Lega Ciclismo Uisp Valle D'Itria Michele Achille, annuncia alla «Gazzetta» l'evento della «6 Ore» in bici del 29 luglio alla Masseria Amastuola di Crispiano. Un percorso intenso, che misurerà il cuore dei bikers. Ieri a Castellaneta batteva forte.

ALESSANDRO SALVATORE
La Gazzetta del Mezzogiorno